Logo Studio GBG - Studio Legale Milano Gasperini Boffelli & Partners
 
SEI IN: Ignora collegamenti di navigazione > Home page > Notizie

Notizie

Compravendita immobiliare: sufficiente l'offerta di adempimento, anche non formale, per l'esecuzione di contratto preliminare
In tema di esecuzione specifica dell'obbligo di concludere un contratto, la ratio legis che ispira il disposto dell'art. 2932, comma 2, c.c. non è destinata ad operare allorquando la parte chieda il trasferimento del bene in un momento in cui la prestazione a suo carico non sia ancora scaduta. In tale ipotesi, deve ritenersi necessaria e sufficiente un'offerta di adempimento anche non formale o per intimazione ai sensi degli artt. 1208 e 1209 c.c. purché espressa in qualsiasi modo che escluda ragionevoli dubbi sulla concreta intenzione della parte di adempiere e, dunque, a tal punto seria e concludente da far ritenere un'effettiva e puntuale volontà di adempimento a fronte del trasferimento del bene, comunque a tale adempimento condizionato. Leggi >
L'iscrizione di ipoteca non preceduta dalla comunicazione al contribuente è nulla
In una recente pronuncia la Suprema Corte ha ribadito che l'iscrizione di ipoteca non preceduta dalla comunicazione al contribuente è nulla, in ragione della violazione dell'obbligo che incombe all'amministrazione di attivare il "contraddittorio endoprocedimentale", mediante la preventiva comunicazione al contribuente della prevista adozione di un atto o provvedimento che abbia la capacità di incidere negativamente, determinandone una lesione, sui diritti e sugli interessi del contribuente medesimo. Leggi >
Nel nostro ordinamento non esiste la figura del "condomino apparente"
Con la sentenza Cass. Civ., Sez. II, 30 aprile 2015, n. 8824, la Corte di legittimità si è occupata della particolare questione, in tema di condominio, riguardante l'individuazione dei soggetti che sono legittimati a rivestire effettivamente la qualità di condomini per partecipare alle attività condominiali. Leggi >
Liquidazione degli indennizzi per irragionevole durata dei processi: siglato accordo Giustizia-Bankitalia
Siglato un accordo tra il Ministero della giustizia e Banca d'Italia per l'attività di liquidazione degli indennizzi di cui alla L. n. 89 del 2001. A renderlo noto è il Ministro Orlando con comunicato stampa diffuso sul sito istituzionale del Ministero della Giustizia. L'accordo è stato firmato dal Ministro della Giustizia Andrea Orlando con il direttore generale della Banca d'Italia Salvatore Rossi con l'obiettivo di accelerare i tempi del pagamento da parte dello Stato degli indennizzi ai cittadini lesi dall'eccessiva durata dei processi (L. n. 89 del 2001, cd. Legge Pinto). Leggi >
Spese processuali, se è pagato l'importo del titolo esecutivo, impossibile il precetto per quelle successive
Allorché il debitore abbia pagato per intero la somma indicata nel titolo esecutivo, comprensiva delle spese processuali ivi liquidate, il creditore non può, successivamente a tale pagamento, intimare precetto, sulla base dello stesso titolo, per il pagamento delle spese processuali sostenute dopo l'emissione di quest'ultimo e necessarie per la sua notificazione, dovendo, per tali spese, esperire l'azione di cognizione ordinaria; ed invero, una volta che l'obbligazione derivante dal titolo sia stata adempiuta, il titolo medesimo perde la propria efficacia esecutiva, con conseguente impossibilità giuridica della notifica del precetto. Leggi >
Copyright © GASPERINI BOFFELLI & PARNERS
STUDIO LEGALE AVVOCATI MILANO
Via Podgora, 13 - 20122 Milano

tel:  +39 02 45476872
fax: +39 02 45476873


Privacy e Cookie Policy














Fotografia di Alessandro Preti  © Tutti i diritti riservati
Contattaci
CAPTCHA
Change the CAPTCHA code